Vicenza con Tsipras: aderisci anche tu?

0

Le elezioni europee che si terranno il prossimo 25 maggio sono particolarmente importanti per la particolarità del periodo che stiamo vivendo: la crisi più devastante della storia Europea dal dopoguerra a oggi e il fatto che gli organi europei sono al centro della trasformazione in atto. Nella crisi finanziaria, politica, sociale ed ambientale esplosa in tutto il mondo a partire dal 2008, le falle dell’impostazione politica attuata finora nel progetto di unificazione europea si sono mostrate in tutta la loro evidenza.

Il sogno di unificazione europea si è infranto nella realtà di una confederazione monetaria ed economica priva di valori morali e culturali. Sono prevalse le logiche del mercato a scapito di qualsiasi altro valore, mentre le economie nazionali si sgretolano, e aumentano disoccupazione, povertà e ingiustizia.

Le tecnocrazie europee governate dalla BCE continuano a imporre una politica economica di stampo liberista, fondata sui tagli alla spesa sociale, e miopi misure di austerity che strangolano i ceti sociali più esposti alla crisi. L’introduzione del pareggio di bilancio nella Costituzione italiana costringerà qualunque governo in carica, a tagli ancor più drammatici nei prossimi anni. Il dato fondamentale è che non c’è stato fino a oggi un vero controllo democratico e popolare sulle istituzioni che hanno governato questa Europa, che hanno semplicemente ratificato quanto deciso negli organismi sovranazionali di carattere finanziario come il Fondo Monetario Internazionale.

La BCE, la Commissione Europea, il Consiglio dei Ministri Europeo, sono organi istituzionali svincolati da una qualunque investitura democratica ed è questa la causa principale della mancanza di una vera progettualità politica di lungo respiro che sia in grado di tradurre i bisogni e le istanze dei popoli europei. Queste elezioni europee possono rappresentare una svolta vera, perché abbiamo la possibilità di rafforzare la presenza di un’altra idea di Europa con l’elezione dei nostri rappresentanti all’interno del Parlamento Europeo (unico organismo elettivo).

C’è una terza strada tra le politiche di austerità portate avanti dagli attuali governi e la deriva delle formazioni nazionaliste e populiste. Possiamo rilanciare il sogno europeo, ripartendo dai suoi valori fondanti: giustizia sociale, lavoro, tutela del welfare, lotta al razzismo, multiculturalismo, solidarietà, tutela del territorio, dei beni artistici e culturali, promozione dei diritti di tutte e di tutti.Sono queste le parole chiave per un orizzonte continentale comune.

Serve una svolta politica netta, per ribaltare lo schema fallimentare dell’Europa neoliberista. Per questo in tutta Italia sono nati i Comitati per la Lista Tsipras: nati spontaneamente dal basso, stanno raggruppando uno straordinario fronte di donne, uomini, partiti, società civile attiva, comitati, movimenti, associazioni, accomunati da una comune visione della società e dell’Europa. Contro la speculazione finanziaria e sociale, per un’Europa ispirata all’uguaglianza sociale, per una conversione ecologica dell’economia e del territorio, per una Europa delle relazioni umane e dei diritti

Anche a Vicenza vogliamo provare ad avviare questo percorso.

Lanciamo un appello a tutte le persone di tutte le età, donne, uomini, partiti, associazioni e movimenti a riunirsi per la costituzione del comitato per la lista Tsipras di Vicenza.

Tale comitato sarà libero, aperto, trasversale, senza gerarchie o assetti precostituiti: una casa comune aperta dove lavorare assieme per un’altra Europa, un’altra Italia, un’altra Vicenza.

È convocata pertanto un’Assemblea Pubblica a Vicenza per Giovedì 27 Febbraio, alle ore 20.45 in via Thaon di Revel, 44 CIRCOSCRIZIONE 6

Danilo Andriollo, Lorenzo Bocchese, Catalano Lucia, Comitato Vicentino No Ecomafie, Niccolò della Lucilla Coordinatore Prov. SEL Vicenza, Valentina Dovigo, consigliere comunale La città respira – SEL, Faccio Ennio, Mauro Gonzo, Lista civica “La città respira”, Giorgio Langella, PdCI Vicenza, Morteza Nirou. Roberta Radich, Ecologiste/i con Tsipras, Rifondazione Comunista Vicenza, Nora Rodrigue, Maurizio Segna, Andrea Silvestri, Carla Spessato, Antonella Zarantonello 

Se volete sottoscrivere come organizzazioni e come semplici cittadini, potete inviare una mail a: tsiprasvicenza@gmail.com

e visitare la nostra pagina fb https://www.facebook.com/pages/LAltra-Europa-con-Tsipras-Vicenza/1412221329029561?fref=ts dove è segnalato l’appuntamento di giovedì https://www.facebook.com/events/273097629526225/

Il prossimo 10 marzo, infine, si terrà un ulteriore incontro pubblico del Comitato di Vicenza per Tsipras con Guido Viale, uno dei promotori dell’appello assieme a Barbara Spinelli, Andrea Camilleri, Paolo Flores d’Arcais, Luciano Gallino, Marco Revelli e lo stesso Tsipras. 

 

Condividi: