Camilla Seibezzi

0

Nel 2010 è stata eletta Consigliere Comunale e nominata Presidente della VI Commissione Consigliare del Comune di Venezia: attività culturali, cittadinanza delle donne, cultura delle differenze, promozione della città delle sue tradizioni e manifestazioni storico culturali, qualità urbana, politiche culturali, turismo.

Nel settembre 2013 viene nominata dal Sindaco del Comune di Venezia delegata ai Diritti Civili, Politiche contro le discriminazioni, Cultura lgbtq. La sua proposta di ridefinizione in termini antidiscriminatori della modulistica della Pubblica Amministrazione ha avuto particolare rilievo sui principali quotidiani e periodici italiani e ottenuto il supporto di sessanta Pubbliche Amministrazioni aderenti alla rete RE.A.DY (Torino, Milano, Roma, Bologna ecc.). Il provvedimento consisteva nel sostituire “madre e padre” con il termine piu’ inclusivo di “genitore” sui moduli d’iscrizione all’asilo e alla scuola di infanzia e nel dotare queste stesse scuole di 50 fiabe contro ogni discriminazione. All’interno della rete RE.A.DY , ha portato il Comune di Venezia ad essere capofila nell’organizzazione della formazione contro la discriminazione nei luoghi di lavoro in tutto il nord est. Sempre nel ruolo di delegata ha prodotto la V edizione del Festival dei matti selezionato per merito dal Festival delle eccellenze nel sociale, sostenuto dal Ministero della Cultura, Ministero dell’Istruzione e Ricerca e Ministero della Salute.

E’ esperta in progettazione culturale quale fondamento per lo sviluppo e la riqualificazione territoriale. Ha curato numerose mostre internazionali tra le quali diverse facenti parte delle ultime edizioni dell’Esposizione Internazionale d’Arte e Architettura della Biennale di Venezia. Ha una pluriennale esperienza come project manager di grandi mostre. E’ stata responsabile dell’organizzazione e programmazione dell’area “Arts and Cultural Heritage Management” e docente dei master in Cultural Planning, Strategic Planning, Management degli eventi artistici e dello spettacolo presso l’Istituto Europeo di Design, Venezia. Ha curato il volume “Loading. Una nave pirata, per immaginare la Biennale del terzo millennio.”

Condividi: