Browsing: Commissione europea

La Nostra Storia 54e18e61193ec51e66c99052eae28775
0

pubblicato su Il Manifesto

 

La visita di Angela Mer­kel ad Atene è coin­cisa con il ritorno sul mer­cato finan­zia­rio dei titoli di stato greci per un valore di 2.5 miliardi. Il fatto di averli col­lo­cati ad un tasso infe­riore al 5,5%, come pre­ven­ti­vato, ha fatto dire al pre­mier greco Sama­ras che la Gre­cia è ormai uscita dal tun­nel. Non si capi­sce bene di quale tun­nel parli, se è quello del Monte Bianco in cui Monti vedeva la luce alla fine del per­corso (ma la leg­geva male, altri­menti avrebbe capito che diceva adieu Monti ) o quella di Letta che pre­ve­deva già nel 2014 una cre­scita dell’1% per l’Italia, già rive­la­tasi errata.

La Nostra Storia b7bf3486982e4cc43532e60a741155a7
2

Benché anche gli economisti di incrollabile fede neoliberista ammettano che la crisi è provocata da una mortificazione dei salari, l’istinto predatorio d’impresa continua a prevalere e anche Nestlé ha emesso il suo ruggito. Pretende di riorganizzare il lavoro nelle tre fabbriche di Perugia, Parma e Ferentino trasformando centinaia di contratti a tempo pieno e indeterminato in altrettante forme contrattuali più penalizzanti. Un’operazione immediatamente battezzata Jobs act e subito respinto al mittente da parte di tutto il sindacato dell’arco confederale.

La Nostra Storia d7152786af1b701b29eee27a921582a0
1

Alla luce di quindici anni di applicazione della Direttiva Quadro Europea sull’Acqua del 2000, si può dire che una politica europea dell’acqua deve approcciare e risolvere quattro principali problematiche (o Agende europee per l’Acqua):

La Nostra Storia 066a4cd7efb392e6b4c811f7e769c2e1
0

di Riccardo Petrella, candidato nel collegio del Nord Est

La Commissione dell’Unione Europea ha reso pubblica il 19 marzo la comunicazione sull’Iniziativa dei Cittadini Europei Right2Water sul diritto all’acqua, la prima ad aver superato di molto il milione di firme necessarie. I cittadini hanno chiesto che la Commissione proponesse uno o più atti legislativi per introdurre nella legislazione europea il riconoscimento del diritto umano all’acqua potabile e ai servizi igienico-sanitari e la loro esclusione dalle “norme del mercato interno” e dalla liberalizzazione.