ATENE- nessuno solo nelle fiamme

0

NESSUNO SOLO NELLE FIAMME:
IL PRIMO PACCHETTO DI AIUTI DAL GOVERNO GRECO
Misure a favore delle persone che hanno perso i loro cari, assegni, agevolazioni fiscali, sostegno ai lavoratori e alle imprese, ai pensionati, agli studenti e ai disabili. Il “SYRIZA sociale” affronta anche la sfida delle fiamme.
di Argiris PAnagopoulos

Il governo greco ha annunciato il primo pacchetto di misure per aiutare le persone, le famiglie e le imprese colpite dall’incendio seguendo la politica sociale di SYRIZA di non lasciare nessuno solo nella crisi, quella che ieri era economica e sociale, e quella che si è trasformata in un incubo dal fuoco di lunedì. Già 300 ingegneri civili registrano da martedì i danni delle case e
il reparto dei servizi antiterrorismo indaga a Mati le cause delll’incendio. Nel limite del possibile il governo greco e le istituzioni si impegnano per garantire il recupero di una certa normalità nelle vite delle persone che devono ricominciare da capo le loro vite.
Obbiettivo di SYRIZA è proteggere le categorie più deboli e le persone più vulnerabili, partendo dai familiari stretti delle persone che hanno perso la vita, i pensionati, gli studenti, i disabili, i lavoratori e le imprese colpite dall’incendio ecc. Per ennesima volta il governo di SYRIZA ha cercato di proteggere le famiglie e le persone fisiche colpite dall’incendio, da pignoramenti per i mutui o i loro debiti allo stato, offrendo anche tantissime agevolazioni fiscali.
Tra le altre cose, il governo greco ha deciso di concedere un’indennità speciale per aiutare immediatamente le vittime degli incendi di € 5.000 per le famiglie e le persone fisiche, e di € 8.000 per le imprese. Inoltre, i pensionati del sistema nazionale di previdenza EFKA prenderanno due pensioni, saranno previste agevolazioni fiscali specifiche per le persone fisiche e giuridiche, mentre sono previste misure per aiutare gli studenti e quelli che hanno fatto l’esame di ammissione per l’Università qualche settimana fa.
Per quando riguarda le persone che hanno perso la vita le loro famiglie riceveranno un aiuto di 10.000 euro.

iL DETTAGLIO DELLE MISURE ANNUNCIATE AD OGGI PREVEDONO :
IDENNITA UNA TANTUM
Un indennità speciale una tantum per le persone colpite dagli incendi che sarà pagata dopo la registrazione dei danni:
-5.000 euro per le famiglie o le persone fisiche;
-8.000 euro per le famiglie con tre o più figli;
-8.000 euro per le imprese.
DISOCUPPATI E PENSIONATI
-Sussidio di disoccupazione una tantum di circa 650 euro per coloro che
hanno interrotto il lavoro dopo l’incendio ha distrutto l’ impresa in cui lavoravano.
-Pagamento una tantum di due mensualità di pensione per i pensionati del sistema pubblico di pensioni EFKA.
-Accelerazione per ricevere le pensioni alle persone che hanno fatto o dovevano fare la domanda entro il 31.9.2018.
SOSTEGNO DEI FAMILIARI DELLE VITTIME
-10.000 euro al coniuge o se non c’è al parente più vicino della persona scomparsa.
-Assegno mensile di 1.000 euro per ogni minorenne di un persona scomparsa fino alla maggior età o fino ai 24 anni se studente.
-I figli della persona scomparsa se passeranno questo anno l’esame di ammissione all’Università o già studiano in una Università potranno trasferirsi nell’Università o nell’istituto più vicino alla loro casa.
-I figli delle persone scomparse che hanno partecipato all’esame di ammissione all’Università per il 2017-2018 prenderanno una votazione maggiorata del 20% e saranno ammessi con un numero in eccedenza nelle facoltà.
-Un parente, di primo o secondo grado o coniuge di una persona scomparsa acquisisce il diritto di essere assunto nell’amministrazione pubblica.
-Il diritto di essere assunti nell’amministrazione pubblica lo acquisiscono anche le persone con una disabilità pari o superiore al 67% a causa dell’incendio.
-Il Parlamento greco concederà un aiuto speciale una tantum ai bambini e ai ragazzi di ogni vittima scomparsa per l’incendio e la somma sarà decisa dopo la registrazione
ALTRE MISURE PER LE VITTIME
-1.200 euro l’anno per ogni famiglia per coprire tutte le sue esigenze di telecomunicazioni, indipendentemente dalla società di telecomunicazioni.
-Cancellazione dei certificati di immatricolazione dei veicoli che sono stati distrutti per evitare di addebitare alle persone il bollo di circolazione, il bollo della cancellazione per la distruzione del veicolo o qualsiasi altra multa o sanzione amministrativa.
-La compagnia di elettricità pubblica DEH, la Enel greca, ha deciso di cancellare i debiti per il consumo ai suoi clienti dal 01.01.2018 fino ad oggi per le case e i negozi che sono distrutti e anche per le case delle famiglie delle vittime. Procederà anche in generose misure di agevolazione per i debiti più vecchi per le stesse categorie dei suoi clienti.
-L’ente di sanità pubblica EOPYY sostituirà tulle le attrezzature mediche e le attrezzature di aiuto e tecniche che sono andate distrutte dall’incendio alle persone con disabilità, malattie croniche senza nessun costo per i beneficiari.
-I figli delle famiglie colpite dall’incendio che studiano o supereranno il concorso di ammissione all’Università di quest’anno hanno il diritto di trasferimento alla facoltà più vicina alla loro casa . Il Ministero della Pubblica Istruzione potrà valutare l’estensione della misura anche per i prossimi anni accademici.
-Il voto finale per l’esame di ammissione alle Università dei figli delle famiglie colpite dall’incendio sarà incrementato del 20% ed entreranno nelle facoltà con un numero a parte.

SGRAVI FISCALI
Per i contribuenti della zone dell’incendio di Pallini ed Eleusina si prevede:
• Estensione della dichiarazione dei redditi imponibili per le persone fisiche per l’anno fiscale 2017 fino al 30 ottobre 2018.
• Il pagamento dell’imposte sul reddito delle persone fisiche per l’anno fiscale 2017 in tre rate mensili, con il pagamento della prima rata fino al 31 ottobre 2018, della seconda rata fino al 30 novembre 2018 e della terza ed ultima rata fino al 31 dicembre 2018.
• Estensione della presentazione delle dichiarazioni dei redditi per le persone giuridiche per l’anno fiscale 2017 fino al 30 ottobre 2018.
• Pagamento dell’imposta sul reddito delle società per l’anno fiscale 2017 in tre rate mensili, con il pagamento della prima rata fino al 31 ottobre 2018, della seconda rata fino al 30 novembre 2018 e della terza ed ultima rata fino al 31 dicembre 2018.
Inoltre, per i contribuenti dei settori di Pallini e Eleusina sopra menzionati, vengono anche queste agevolazioni:
• Estensione per la presentazione delle dichiarazioni per l’IVA, che scadeva il 31 luglio 2018, fino al 30 ottobre 2018, con una analoga estensione per il pagamento delle imposte.
• Estensione della ritenuta alla fonte fino al 31 ottobre 2018.
• Estensione per le modifiche nelle dichiarazioni delle attività immobiliari (E9), che sono stati colpiti dai recenti incendi fino alla fine di quest’anno.
• Per i residenti delle zone colpite si sospende il pagamento dei debiti confermati al fisco, che sono scaduti o che scadranno entro sei mesi dalla loro emissione.
• Esenzione dalla tassa per gli immobili ENFIA di quest’anno per gli immobili che si trovano trova nelle zone colpite, e sono stati completamente distrutti o hanno problemi funzionali, che li rendono inabitabili.

MISURE PER LE IMPRESE E I LAVORATORI
Misure dirette per l’aiuto e per alleggerire il peso dei contributi per le imprese e i lavoratorii che hanno installazioni professionali o attività nelle zone colpite
• Sospensione del versamento dei contributi correnti, tranche di compensazioni e tranche di pagamenti da accordi tra i contribuenti e il fisco fino il 31.12.2018.
• Le tranche sospese saranno pagate dopo il 01.01. 2019 in rispettive mensilità.
• Le rate di pagamento dagli accordi tra il contribuente e il fisco che saranno messe in sospensione saranno pagate alla fine della regolamentazione in rispettive rate mensili.
• Si capitalizzano i pagamenti arretrati dei contributi mensili con gli interessi, aumenti a altri pagamenti entro la fine del mese precedente del disastro.
• Coloro che sono in procedura di regolazione dei loro debiti mantengono il diritto della regolazione anche in mancato pagamento delle rate accordate.
• Sospensione delle Dichiarazioni Analitiche Periodiche (APD) e il pagamento dei contributi correnti per sei mesi, a partire dal primo mese del disastro, senza calcolare durante questo tempo supplementi o ulteriori supplementi.
• Questi contributi, saranno versati da 12 fino a 24 rate mensili uguali a decorrere dal primo giorno del mese successivo a quello in cui la moratoria di sei mesi è scaduta.
• La capacità dell’assicurato all’ente pubblico di pensioni EFKA e ai suoi familiari a carico di avere la copertura dell’assicurazione fino 31.12.2018 senza alcuna condizione, e la concessione delle prestazioni previste e dei benefici sarà pagare direttamente, senza seguire l’ordine cronologico.
• Estensione delle tranche dei pensionati debitori attraverso il pagamento dalla loro pensione dalle 40 rate che attualmente sono in vigore fino alle 60 rate. Questa misura riguarderà i futuri pensionati che non hanno ancora ricevuto la pensione, ma anche i pensionati esistenti che sono coperti da questa regolamentazione.

MISURE PER PROTEGGERE LE FAMIGLIE CON MUTUI DA
POSSIBILI PIGNORAMENTI
• Sospensione del pagamento delle rate del mutuo verso l’ente pubblico ex OEK per un massimo di 36 mesi senza alcuno carico.
• Estensione del tempo per la presentazione delle domande di adesione nella regolamentazione dai mutuatati dell’ex OEK, come definito dalla circolare ministeriale, per un massimo di 12 mesi, a partire del 19/12 / 2018.
• Sospensione delle aste e pignoramenti delle case per le persone colpite dal fuoco da oggi fino al 2019/09/30.

ALTRE MISURE PER LE AUTORITA’ LOCALI:
• Finanziamento straordinario dei Comuni di Maratona, Rafina – Pikermi pari a 2.000.000 di euro che possono essere utilizzati per soddisfare le esigenze di emergenza immediate, come l’assunzione di personale temporaneo, l’acquisto di alimenti, forniture mediche e per l’immediata e rapida riparazione dei danni alle infrastrutture di base.
• Aprire del pedaggio stradale nelle zone colpite fino alla fine della crisi dall’incendio

CREAZIONE DI CONTO SPECIALE
Il Ministro portavoce del governo Tzanakopoulos ha annunciato l’apertura di un conto speciale presso la Banca di Grecia per finanziare qualsiasi tipo di azione per aiutare le persone colpite dall’incendio, principalmente per la ricostruzione e il risarcimento per le case distrutte, e il ripristino delle infrastrutture nella zona interessata.
Un Comitato di tre membri, con la partecipazione del Presidente del Parlamento,il ministro delle Infrastrutture e il Ministro delle Finanze, gestirà il conto. Ogni anno ci sarà il controllo della gestione del conto da commercialisti giurati esterni.
Lo Stato partecipa al conto con 20 milioni di euro dall’ufficio di collocamento OAED, con 10 milioni di euro da parte del Tesoro e con 10 milioni di euro da parte del Parlamento. Al conto potranno contribuire paesi stranieri, imprese e cittadini provenienti dalla Grecia e dall’estero. Il numero del conto è 23/2341195169 con IBAN: GR4601000230000002341195169
BIC- BNGRGRAA

Condividi: