Trump a Roma: FOLLIA REPRESSIVA

0

Continua la linea di “tolleranza zero”  verso il dissenso messa in pratica dal ministro degli interni Marco Minniti. Dopo il fermo e la denuncia verso tre giovani che protestavano al salone del libro di Torino contro i decreti Minniti-Orlando alla presenza del ministro degli Interni, ecco un’altra intemerata impresa da parte delle forze di polizia.

Durante il passaggio, purtroppo indisturbato, del corteo presidenziale di Trump in via Nazionale, tre pacifisti della rete No War hanno tentato di mostrare un cartello “Trump/Nato/G7, Wars on people, war against the planet”. La polizia glielo ha impedito con i soliti modi bruschi, per usare un eufemismo. I tre, Marinella Correggia, Cristina Guidetti e Marco Palombo – cui va tutta la solidarietà de L’Altra Europa con Tsipras – sono stati denunciati per avere tentato di bloccare il corteo presidenziale (in tre !?!), per resistenza e lesioni (!?!) a pubblico ufficiale e per manifestazione (!?!) non autorizzata.

A Marinella Correggia, non residente a Roma, è stato anche consegnato il foglio di via, perché protagonista già di altre iniziative nonviolente contro la guerra.

E’ chiaro ormai che i decreti Minniti-Orlando, nel frattempo diventati legge, hanno creato un clima e una prassi di assoluta intolleranza che  autorizzano alla repressione di qualunque, anche la più piccola e pacifica, manifestazione di dissenso in spregio al diritto alla libertà di espressione del proprio pensiero, tutelata dalla Costituzione. L’abrogazione di quelle leggi è dunque una priorità per la civiltà del nostro paese.

L’Altra Europa con Tsipras

Condividi: