L’esperienza di Riace per la marcia di Milano

0
Prosegue il percorso verso il 20 maggio, verso la marcia “Nessuna persona è illegale”. Questa sera è il turno del sindaco di Riace, Mimmo Lucano che incontra il sindaco di Milano.
L’esperienza di Riace (Reggio Calabria) è una testimonianza viva di come il problema dell’immigrazione possa, con intelligenza e capacità, essere convertito in una opportunità che genera nuove risorse a favore della collettività. L’occasione della sua visita è la presentazione del film “Un paese in Calabria”, presso il Cinema Anteo (https://www.eventa.it/eventi/milan/un-paese-di-calabria-a-milano)
Mimmo Lucano ha aderito alla piattaforma “Nessuna persona è illegale” e non mancherà, questa sera, di portare queste ragioni nella discussione con Sala (la locandina dell’evento fa riferimento ancora alla presenza dell’assessore Majorino).
L’appuntamento di domani, invece, segna un momento molto importante e di avvicinamento alla data della marcia. A partire dal pomeriggio, sul piazzale della stazione Centrale di Milano, Piazza Duca D’Aosta, è previsto un torneo sportivo di calcetto, con la partecipazione di squadre e giocatori provenienti da più parti del mondo. A seguire reading e concerto.
Più volte abbiamo avuto modo di dire che questa è l’occasione per riscattare quella piazza dal peso emotivo di una violazione, una operazione che adesso anche la polizia definisce come eccessiva e spettacolare, che è stato quel rastrellamento del 2 maggio scorso.
Riprendiamo i luoghi e gli spazi di P.zza Duca D’Aosta riappropriandocene, simbolicamente e per costruire realmente momenti di condivisione delle esperienze, della musica, del piacere di stare assieme.
Sul fronte dei media, complice il weekend, dopo l’attacco durissimo è intenzionalmente finalizzato a distinguere le “due anime” del corteo, con risposta pubblica (https://www.facebook.com/NooneisillegalMilano/posts/378036532591090:0), non vi sono rilievi da riportare. Solo brevi note su distribuzione dei cittadini migranti nel territorio dell’area metropolitana.
Nel frattempo, continuano ad arrivare, con grande piacere, nuove adesioni alla piattaforma (https://www.facebook.com/NooneisillegalMilano/posts/379325472462196), oltre a quelle già di Baobab Experience e di molte altre realtà internazionali.

La sensazione è che, quella del 20, sarà una manifestazione partecipata e che le parole d’ordine saranno ben scandite e contro i Decreti Minniti-Orlando. Voci e parole che saranno chiare, presenti e in tutto il corteo, per affermare i diritti di cittadinanza. Perché con i diritti costruiamo il futuro nostro, non con le parole.

Condividi: