Lettera di Renzi agli italiani all’estero: un abuso di potere

0

La vicenda dell’invio da parte di Matteo Renzi di un foglio di propaganda per il Sì al referendum costituzionale agli italiani all’estero rappresenta ormai un caso politico, e non solo, di prima grandezza. Quelli del Pd si difendono dicendo che Matteo Renzi ha agito non come presidente del Consiglio ma come segretario del Pd. Cariche che, come è noto, ricopre contemporaneamente. Ma come fa Matteo Renzi in quanto segretario del Pd a conoscere gli indirizzi degli italiani residenti all’estero e votanti? Gli unici che hanno i loro indirizzi sono i consolati attraverso l’AIRE (associazione italiana residenti all’estero) a cui i nostri connazionali si iscrivono secondo un “diritto-dovere” sancito dalla legge del 1988. Quindi l’unica maniera di sapere dove essi abitano è utilizzando per fini di partito strutture e servizi dello stato italiano. Si chiama abuso di potere allo scopo di ottenere un vantaggio in una competizione referendaria. A questo punto la parola passa alla Magistratura. Scusate se è poco.

Condividi: