“È ora che l’Europa dia segno di voler uscire dalla crisi”

0

Dopo la Brexit, l’Europa è divisa. Il contrasto Est-Ovest si è intensificato con i paesi del Visegrad.L’organizzazione di questo incontro, non è in grado di rafforzare ulteriormente la divisione che esiste tra nord e sud Europa?

Con il vertice EUROMED, il nostro obiettivo non è quello di creare una divisione tra gli Stati ma di promuovere un approccio comune tra i paesi della periferia europea e del Mediterraneo, oggettivamente i più colpiti dalla crisi. Abbiamo problemi comuni che richiedono soluzioni comuni. Siamo il paese nell’occhio del ciclone, fronteggiamo la crisi dei profughi, la crisi della sicurezza e il problema del terrorismo e la crisi economica. Abbiamo un nord in cui si accumulano ricchezze e un sud che subisce pesanti perdite. Ma è ora che l’Europa dia il segno di voler uscire dalla crisi.Non vi è alcuna convergenza europea, in quanto vi sono tali disparità. Il dibattito sul futuro dell’Europa non può essere dominata dai i paesi Visegrad. Io rispetto le loro opinioni, ma stiamo parlando di un ‘Europa a 27. C’è un forte deficit sociale che permette gruppi marginali. Credo che continuare, dopo la Brexit, a fare come se non fosse qualcosa di serio, sarebbe un tragico errore. L’Europa sta vivendo una profonda crisi, è come un sonnambulo che va verso il precipizio. Abbiamo bisogno di una sveglia. Se continuiamo a costruire una fortezza Europa, con sempre più polizia, il fallimento sarà completo.

Vuoi chiedere, esattamente, la fine del patto di stabilità?

Io sono un realista. Correlazioni per coloro che si oppongono a politiche neoliberiste non sono favorevoli. Ma, se non possiamo cambiare le regole, abbiamo bisogno di fare alcune eccezioni per quanto riguarda il patto di stabilità, aumentare il sostegno alle misure per promuovere la crescita e per combattere efficacemente la disoccupazione. Queste regole non funzionano. La crescita in Europa è molto lenta, abbiamo 22 milioni di disoccupati. Il patto di stabilità non è la parola di Dio, ma l’insieme di regole che essi stessi hanno concordato e che dobbiamo migliorare. Non è il Vangelo. Se non si dà priorità al lavoro l’Europa sarà minacciata con la disintegrazione, con sprezzanti referendum e dai governi anti-europei all’interno dell’Unione.

Dalla tua ascesa al potere nel gennaio 2015 hai difeso l’idea di un cambiamento capitale in Europa. Nessuno ti ha seguito allora, perché farlo ora? Che cosa è cambiato?

E ‘vero che per molto tempo siamo stati la pecora nera dell’Europa. Credo che i nostri partner hanno capito che l’esperimento greco non dovrebbe essere applicato altrove in Europa. Capiscono anche che la crisi non riguarda solo la Grecia, ma tutta Europa e che la Grecia è un polo di stabilità in un territorio instabile. Ci sono problemi in Turchia, la crisi in Siria, in Libia.Noi siamo una fortezza, una garanzia di sicurezza per l’intera Europa in questo settore.

I governi dei paesi invitati venerdì sono per lo più socialdemocratici; voi, dal momento che hai fatto un’intera campagna basata sulla linea contro l’austerità, avete fatto le privatizzazioni, hai aumentato le tasse siete diventati socialdemocratici?

Non è così, ma nell’ambito del Consiglio europeo, i leader socialdemocratici in relazione sono più vicini ai leader di destra. Abbiamo annunciato una politica alternativa che si è schiantato contro il muro dell’intolleranza neoliberista dell’UE. Quando è arrivato al punto di colpire l’intero paese, costringendolo ad un compromesso doloroso abbiamo attivato il nostro popolo attraverso le elezioni, che ci ha rinnovato la fiducia. Nonostante questo, sfruttiamo il margine di manovra e dobbiamo introdurre misure sociali.

Hai rammarico per il referendum del luglio 2015 che ha dato molta speranza e poi delusione quando hai dovuto ritirarti?

Se sono vivo oggi e sono con voi in questo ufficio è a causa di quel referendum! Il fatto è che la Grecia non è più la pecora nera perché ha sentito la forza dell’anima del popolo e io sono riuscito ad avere una mente chiara per prendere le decisioni che andavano prese.

Un tasso di disoccupazione della popolazione attivo al 23,5%, un abbassamento annuale atteso tra lo 0,2% o lo 0,3%. 20 mesi dopo il tuo arrivo al potere, la Grecia è ancora in stasi in campo economico. Perché?

In primo luogo perché siamo ancora in una rigorosa politica di risanamento dei conti pubblici. Ma le cose stanno migliorando lentamente. La disoccupazione è scesa dal 26% al 23,5%. La recessione è meno importante di quanto tutti stavano aspettando. Secondo le nostre stime torneremo a crescere quest’anno e ci aspettiamo stare al 2,7% nel 2017. Ho dovuto lottare contro le mafie, contro l’oligarchia… abbiamo avuto sconfitte e vittorie. C’è una lenta ripresa, in parte perché non trova la apertura necessaria dai partner sul tema della riduzione del debito. Se si rifiutano di tornare su questo tema, allora sarà difficile per il mio paese tornare a crescere di nuovo.

I creditori sono infatti impegnati ad alleviare il debito pubblico greco pari a più di 328 miliardi di euro. Ma soprattutto Berlino non vuole aprire la questione prima delle elezioni tedesche il prossimo maggio. Un tema molto delicato, soprattutto dopo il fallimento nelle ultime elezioni regionali per il cancelliere Merkel. Vi è una nuova modalità di blocco o no?  

In Europa ci sono 27 governi democraticamente eletti. Ci sono le elezioni nella sola Germania? Dobbiamo decidere insieme se vogliamo un’Unione europea o un’Europa tedesca. E ‘preferibile una Germania europea, forte e democratica che una Europa tedesca che si comporta come un “cassa di risparmio” con surplus eccessivi. Noi sopportiamo, ma è giunto il momento per l’Europa di dare un segnale di uscita dalla crisi. Per il popolo greco e per ripristinare la fiducia nei mercati finanziari. Questo non è qualcosa che riguarda solo la Grecia e la Germania. Le preoccupazioni riguardano tutta l’area euro, la BCE e il FMI. Il FMI ha detto forte e chiaro che entro la fine dell’anno lascerà il programma greco se non ci sono progressi sulla questione del debito. Del successo del programma di aggiustamento fiscale greco sarà responsabile gran parte d’Europa.

Senza l’accordo europeo sul debito in un tempo ragionevole, sarà difficile giustificare i sacrifici dei greci, sarai in grado di evitare le elezioni anticipate e di rimanere fino alla fine del tuo mandato nel 2019?

Le elezioni avranno luogo alla fine del nostro mandato. Noi siamo qui per quattro anni. E, infine, la nostra gente sarà in grado di confrontare il nostro lavoro con quello dei nostri predecessori e sono sicuro che rinnoveremo il nostro mandato per altri quattro anni, almeno!

Paura di una controversia tra l’UE e la Turchia per i rifugiati e siete pronti per gestire un nuovo afflusso alle vostre coste?

Siamo arrivati ad un accordo fragile con la Turchia e faremo ogni sforzo per mantenerlo nonostante le difficoltà. Non voglio essere pessimista, io sono quasi sicuro che questo accordo sarà mantenuto. La Turchia però ha conosciuto gravi tensioni. Vogliamo essere vicini onesti. Vogliamo sostenere e sostenerci. L’emergenza immigrazione non è né europea né greca, è globale. L’Europa dovrebbe mostrare solidarietà e una certa condivisione degli oneri. È inaccettabile vedere che i 33.000 trasferimenti di rifugiati in programma per il 2016 sono stati in realtà solo 3.000. È inaccettabile che alcuni paesi costruiscono muri ai nostri confini. Le pareti sono state demolite in tutta Europa nel 1991. Non possiamo accettare tale intolleranza, in contrasto con i principi fondamentali dell’Unione. Non accettiamo che alcuni paesi abbiano criticato la Grecia è il paese che ha mostrato la più grande umanità. Ospitiamo migliaia di profughi e abbiamo offerto molto finanziariamente, anche dalle nostre rimanenze.

 

Condividi: