Monthly Archives: gennaio, 2016

La Nostra Storia 9c9c855419620bf0857d3fbc9f17cbb8
0

Care compagne e cari compagni,

come tutti sapete lo scorso 15 gennaio al Rialto c’è stata un’assemblea con i sottoscrittori dell’appello “a Roma Noi ci siamo”. Dalla discussione che si è svolta è scaturito il documento, che vi allego, con il quale proponiamo di riunirci a Roma il 6 febbraio in un ‘assemblea cittadina di tutti i soggetti politici, le associazioni ed i militanti interessati a recuperare il carattere unitario che ci ha spinto fin qui nella ricerca di un’intesa volta alla costruzione di un soggetto politico della sinistra.

La Nostra Storia
0

Siamo compagne e compagni della Lombardia che credono e si impegnano da molto tempo per la costruzione, finalmente anche in Italia, di unsoggetto politico unitario della sinistra, utile, credibile ed efficace in quanto in grado di diventare la casa comune della grande maggioranza di quanti e quante, in forme e in ambiti diversi si oppongono alla distruzione che il neoliberismo persegue in Italia e in Europa.

La sottoscrizione da parte di tutte le attuali componenti della sinistra italiana del documento “Noi ci siamo, lanciamo la sfida” ci aveva indotto a sperare finalmente nell’apertura di una fase nuova in grado di invertire le tendenze alla disgregazione politica e sociale, una necessità storica oltre che un desiderio condiviso di unità a sinistra e di uscita dalla marginalità politica.

La Nostra Storia 1c868dd74c7318ed44aae41f88bb5a08
0

#SVEGLIATITALIA TUTTE LE PIAZZE DEL 23 GENNAIO

 

Il Parlamento Italiano il 28 gennaio discuterà il disegno di legge sulle unioni civili, il DDL Cirinnà: una proposta con diverse lacune, ma che rappresenta comunque un tardivo primo passo verso un paese più libero:

Il 23 presidi in tutta Italia, promossi da Arcigay, Arcilesbica, Agedo, Famiglie Arcobaleno e MIT, ha con l’obiettivo di lanciare questo appello al Governo e al Parlamento italiani: “L’Italia è uno dei pochi paesi europei che non prevede nessun riconoscimento giuridico per le coppie dello stesso sesso. Le persone gay, lesbiche, bisessuali e transessuali non godono delle stesse opportunità degli altri cittadini italiani pur pagando le tasse come tutti. Una discriminazione insopportabile, priva di giustificazioni. Il desiderio di ogni genitore è che i propri figli possano crescere in un Paese in cui tutti abbiano gli stessi diritti e i medesimi doveri. Chiediamo al Governo e al Parlamento di guardare in faccia la realtà, di legiferare al più presto per fare in modo che non ci siano più discriminazioni e di approvare leggi che riconoscano la piena dignità e i pieni diritti alle persone gay, lesbiche, bisessuali e transessuali, cittadini e cittadine di questo Paese. La reciproca assistenza in caso di malattia, la possibilità di decidere per il partner in caso di ricovero o di intervento sanitario urgente, il diritto di ereditare i beni del partner, la possibilità di subentrare nei contratti, la reversibilità della pensione, la condivisione degli obblighi e dei diritti del nucleo familiare, il pieno riconoscimento dei diritti per i bambini figli di due mamme o di due papà, sono solo alcuni dei diritti attualmente negati. Questioni semplici e pratiche che incidono sulla vita di milioni di persone. Noi siamo sicuri di una cosa: gli italiani e le italiane vogliono l’uguaglianza di tutte e di tutti”.

Tutti diversi, ma tutti uguali! 

L’altra Europa con Tsipras aderisce alla giornata di mobilitazione. #svegliatItalia

 Ecco tutti i punti di incontro:

La Nostra Storia
0

Per un percorso condiviso e plurale

Assemblea del 20/01/2016- Noi compagni/e aderenti e simpatizzanti dell’Altra Europa con Tsipras del Piemonte, riuniti in assemblea a Torino, riteniamo che dopo la rottura del tavolo comune nazionale, il percorso aperto, unitario  e plurale per la costruzione di un soggetto nuovo della sinistra che si ponga in alternativa alle politiche liberiste del PD, debba  essere in ogni modo salvaguardato sulla base del documento “Noi ci siamo” sottoscritto da tutti.

A partire da alcuni principi per noi irrinunciabili.

Un unico percorso costituente condiviso; l’alternatività al PD; nessuna discriminazione o preclusione preliminare tra iscritti e non iscritti alle attuali forze politiche della sinistra che appoggiano il percorso;  piena legittimità nelle scelte politiche ed elettorali degli aderenti al nuovo soggetto, sulla base del  programma e dei valori di fondo, tramite l’opzione “una testa  un voto”.

La Nostra Storia
0

Abbiamo atteso con pazienza che il tavolo di lavoro per la Costituente di sinistra alternativa portasse ad una convergenza per lanciare a gennaio, dopo un numero ormai non calcolabile di rinvii, l’assemblea unitaria. Abbiamo sperato che l’emergenza democratica, che ha visto nella vicenda greca e nel ricatto a Tsipras la sua manifestazione più palese e crudele, l’avanzare delle destre nazionaliste, l’emergenza profughi strumentalizzata con parole di odio e di disprezzo, l’emergenza lavoro affrontata demolendo i diritti, l’emergenza ambientale ignorata per trarre profitto dalle grandi opere inutili, il paese devastato da cemento e da trivelle, lo svilimento della scuola e dell’insegnamento, fossero motivazioni sufficienti per far sì che il buon senso, la responsabilità civile, l’abilità e l’intelligenza politica prevalessero.

La Nostra Storia
0

documento approvato Comitato Nazionale del 17 gennaio 2015– La rottura del tavolo per il soggetto politico della sinistra, con la conseguente revoca del processo costituente unico da parte degli stessi soggetti, ha avuto – e ha – effetti molteplici. Sia sui militanti, sui comitati e sulle persone coinvolte, sia sulle forze politiche che della rottura sono artefici, con diverse responsabilità.

Eppure quel processo – le cui tappe condivise sono contenute nel documento “Noi ci siamo, lanciamo una sfida”, è assolutamente necessario. È la realtà politica, la situazione sociale del nostro paese che lo rende evidente. E spingono in questa direzione i numerosi appelli apparsi in questi giorni, che rilanciano l’invito, e che auspichiamo si moltiplichino. Un invito che deve essere raccolto.

La Nostra Storia
0

10 gennaio 2016,-l’Assemblea regionale di “Altre Marche”- documento finale

Consideriamo irresponsabile la decisione di sciogliere il Tavolo nazionale e di far saltare la prevista Assemblea nazionale di gennaio, per l’avvio della costruzione di un Soggetto Unitario della Sinistra Italiana; consideriamo, altresì, infondata la pregiudiziale dello scioglimento di partiti e movimenti, avanzata al medesimo tavolo, poiché riteniamo che un soggetto veramente unitario ed inclusivo deve farsi carico dei problemi politici e, senza forzature, rispettare i tempi di tutte le componenti della sinistra; al tempo stesso, pensiamo che sia possibile, definire le forme di una “cessione di sovranità” politica, elettorale ed organizzativa dei partiti esistenti verso il nuovo soggetto, finalizzato a costruire un consenso crescente ed un’aggregazione di forze sufficiente a produrre una proposta di governo alternativa all’esistente e capace di promuovere campagne di massa, vertenze, mobilitazione e azione sociale, e di suscitare infine partecipazione e protagonismo.

La Nostra Storia
0

Ai responsabili nazionali di Act!, Altra Europa con Tsipras, Futuro a Sinistra, Partito della Rifondazione Comunista, Possibile, Sinistra Ecologia Libertà

PER L’UNITA’ DELLA SINISTRA

E’ a portata di mano un obiettivo che solo qualche mese fa sembrava impossibile: ricostruire una vera e consistente forza di sinistra nel nostro Paese. Una forza alternativa al quadro politico ed economico dominante, capace di porsi in una prospettiva di governo, ma già oggi al servizio di quanti, movimenti, realtà associative, singoli compagni, non si rassegnano all’impoverimento della democrazia e delle condizioni di vita della gran parte della popolazione, che sanno come una prospettiva diversa si può far vivere già oggi conquistando spazi di autogoverno nei territori, nei luoghi della vita quotidiana e del lavoro.

La Nostra Storia 6b540af06c9f0a601762578a9e03a44b
0

Europa da stato di diritto a stato di eccezione“.

Convegno Europeo 

organizzato da Osservatorio sulla Repressione – Associazione Sgattabuia
in collaborazione con Legal Team Italiae gruppo parlamentare europeo Gue/Ngl

Roma 15 Gennaio 2016 – ore 15
Sala Biblioteca Chiesa Valdese – Via Marianna Dionigi, 69 (angolo Piazza Cavour)

1 2