Adesione alla marcia di Venezia delle donne e degli uomini scalzi

0
L’Altra Europa con Tsipras aderisce alla marcia di Venezia delle donne e degli uomini scalzi e si impegna a rilanciare   l’iniziativa in altre città italiane, insieme a chi già si muove per questo. 
Non si può stare a guardare. Non si può tacere. Non possiamo accettare che riprenda forza il cuore oscuro dell’Europa. Come prima misura chiediamo ai nostri governi di creare un corridoio umanitario. Molto si può fare. Chiedere la sospensione del Trattato di Dublino e regolare finalmente, in Italia, l’abolizione del reato di clandestinità.
Esiste un’altra Europa, un’altra Italia che non ha paura. Che di fronte alle prove difficili imposte dalla crisi, dalle guerre ai nostri confini, si rimbocca le maniche. Non grida all’invasore, cerca soluzioni.
 
Per questo anche L’Altra Europa con Tsipras sarà a piedi scalzi a Venezia.
 
Condividi: