Assemblea unitaria dei parlamentari- Dichiarazioni de L’Altra Europa con Tsipras

0

“Osservo con piacere che la voglia di un lavoro concorde a sinistra è diffusa tra i parlamentari italiani ed europei quanto lo è tra i cittadini e le cittadine italiani”, dichiara il senatore Francesco Campanella. “Questa sintonia è preziosa tanto da rendere opportuni tutti gli sforzi per superare ogni diversa sfumatura nella visione poltiica. Le domande delle persone sono le stesse che la sinistra si è sempre trovata a fronteggiare; dobbiamo dare risposte adeguate ai nuovi contesti sociali ed economici e dobbiamo formulare queste risposte insieme al popolo di sinistra, che chiede di partecipare oggi con più forza ed urgenza per produrre una proposta di governo che appaia credibile alla maggioranza dei nostri concittadini.

Per il Senatore Fabrizio Bocchino “è stato un confronto molto utile, fra parlamentari che hanno già condiviso piccole e grandi battaglie in questa legislatura, accomunati da valori antitetici al neoliberismo imperante e alla sua declinazione tutta italiana impersonata dal governo Renzi. Jobs Act, Sblocca Italia, Riforme costituzionali, Buona Scuola ci hanno visto su posizioni comuni, ma finora siamo andati in ordine sparso e senza un vero coordinamento. Lo spazio comune che vogliamo creare in parlamento darà più forza alla nostra azione parlamentare. Non vogliamo però fare un partito dei parlamentari, imposto dall’alto: il nuovo soggetto politico si sta costituendo con tempi e modalità decise fuori dal parlamento, come è giusto che sia. Non facciamo però l’errore di pensare che l’assemblea parlamentare Per un programma di azione comune sia completamente avulsa dal processo costituente del nuovo soggetto politico. Se noi parlamentari non saremo in grado di mostrare buona volontà e di dare il buon esempio, mettendo da parte particolarismi e individualismi, e se non restituiremo un’immagine unitaria e di squadra affiatata, si rischia di influenzare negativamente il difficile processo costituente in corso”.

Per Eleonora Forenza, europarlamentare, “il percorso di costruzione di un soggetto unitario della sinistra alternativa è imprescindibile, a fronte delle sfide che ci aspettano in Italia e in Europa. Esistono numerosi ambiti di lavoro in cui il dialogo tra parlamentari nazionali e parlamentari europei è essenziale, penso in particolare al TTIP, in cui si affrontano due modi di intendere l’Italia e l’Europa che vogliamo consegnare alle prossime generazioni”.

PER-UN-PROGRAMMA-DI-AZIONE-COMUNE.pdf

Condividi: