NO-OXI alla contro -riforma della scuola

0
 
 
Alla fine Renzi ce l’ha fatta, la contro-riforma della scuola è stata approvata.
 
L’Altra Europa con Tsipras ha sostenuto, sostiene e sosterrà tutte le iniziative dell’ampio e coraggioso movimento che contrasta la cosiddetta “buona scuola” che Renzi ha imposto.
 
Il Ddl produce una pericolosa degenerazione della scuola pubblica italiana costruita nel tempo da generazioni di insegnanti, studenti, ricercatori della scuola e della cultura del nostro paese. 
 
In nome della privatizzazione si mettono in discussione i valori della laicità, della cooperazione, della battaglia contro le disuguaglianze, dell’educazione alla cittadinanza, della formazione come diritto inalienabile e costituzionale di ogni cittadino e cittadina.
 
È stata licenziata una legge totalmente subalterna alle logiche di mercato, costruita sulla competizione, sul privilegio di chi ha e chi può. Mentre vengono penalizzati e umiliati insegnanti e personale della scuola.
 
Il Ddl contro la scuola pubblica di Renzi è uno dei pilastri dell’austerità italiana, subalterna alle peggiori ricette neoliberiste.  
 
Con questa legge Renzi completa la sua opera. Ne fa il pilastro della svalutazione dei diritti costituzionali che è al centro della sua politica, già applicata al lavoro, alla salvaguardia del territorio e alla partecipazione elettorale.
 
L’Altra Europa con Tsipras ribadisce un grande NO-OXI all’attacco alla scuola pubblica e all’austerità in Italia e in Europa.

 
Condividi: