Bologna- report presidenza

0

Un contributo di esperienze, iniziative e lotte che si sviluppano nelle regioni e nei territori, per dare vita ad un’alternativa, sociale e politica che consolida e cura il processo politico innestato da L’ALTRA EUROPA.
Processo, che è stato al centro di molti interventi attraverso il racconto delle esperienze nei propri territori e che hanno fornito la mappa di un cammino, iniziato circa un anno fa.
26 sono stati gli interventi svolti da delegati designati dai comitati territoriali di cui 5 dai comitati regionali un chiaro esempio di quanto lavoro unitario si sta facendo nei territori e nelle regioni.
Gli interventi hanno dimostrato, ancora una volta, che l’Altra Europa è decisa a costruire unità e pluralismo a sinistra con l’ambizione di allargare la partecipazione, sconfinare da ogni recinto, progettare un’alternativa, sociale e politica capace di stare nel conflitto che si è riaperto nel Paese e di candidarsi ad esserne una risposta politica e di trarre insegnamento dalle esperienze che si producono in Europa: Syriza, Podemos, solo per citarne alcune, capace di rappresentare una vera e propria alternativa di società e di governo, unendo i soggetti che il liberismo e la crisi hanno diviso. Una ricomposizione politica contro le politiche di austerità e rigore portate avanti, in Italia, dal Pd e da Renzi.
La prima sessione dell’assemblea: ” Europa: tra il voto in Grecia e il massacro alla redazione di Charlie Hebdo” è stata aperta da Marco Revelli, subito dopo abbiamo chiesto a Gael De Sanctis giornalista dell’Humanité di portarci la propria testimonianza da Parigi, il suo intervento è stato accolto da un lunghissimo applauso e dai cartelli “oui je suis Charlie Hebdo” e definendoci “Nous sommes tous Charlie Hebdo”; hanno preso la parola Rita Maestra di Podemos, Panagiotis Lamprou di Syriza, Samir Aita, presidente del circolo degli economisti arabi già direttore dell’edizione araba di “Le Monde Diplomatique”; abbiamo ascoltato un messaggio video di Pierre Laurent presidente della sinistra Europea, le nostre deputate europee Barbara Spinelli ed Eleonora Forenza, il nostro deputato europeo Curzio Maltese per l’Altra Europa. Inoltre, in questa sessione, hanno svolto i loro interventi: Luciana Castellina, Moni Ovadia, il giorno successivo, domenica, è intervenuto Yilmaz Orcan, rappresentante in Italia del congresso Nazionale Curdo.
La sessione pomeridiana dedicata al nostro dibattito più interno, si è aperta con l’intervento di Chiara Giunti che ha dato conto del lavoro svolto dal gruppo di lavoro dedicato a raccogliere e sistematizzare i contributi e gli emendamenti emersi nelle assemblee territoriali e pervenuti on line al cosiddetto documento “martire” scritto da Marco Revelli.
A seguire, si sono poi svolti gli interventi di presentazione dei diversi documenti e contributi: Raffaella Bolini per il documento “Siamo a un bivio,,,”; Domenico Gattuso per il documento “Noi altra Europa”; Claudio Riccio ha presentato il documento di ACT.
Le richieste di intervento sono state 150, tra quelle pervenute on line e quelle presentate, direttamente, in assemblea. Al fine di poter dare la parola a quante più esperienze collettive possibili abbiamo chiesto ai comitati di indicare, laddove possibile, uno o due interventi rappresentativi del proprio comitato. A questa richiesta è corrisposta la disponibilità e, soprattutto, la possibilità, da parte dei comitati Altra Europa dei territori, di indicare unitariamente propri rappresentanti per interventi rappresentativi della propria specifica esperienza. Ciò ha consentito di ridurre il numero degli interventi individuali ed, anche, in ragione di ciò è stata data la precedenza agli interventi collettivi dei comitati territoriali e regionali.
Complessivamente ci sono stati 69 interventi dalle ore 14.30 fino alle 23.00 circa, di cui 26 collettivi, 31 individuali, 5 rappresentanti dei partiti: Paolo Cento (SEL), Paolo Ferrero (PRC), Antonio Ingroia (Azione civile), Franco Turigliatto (Sinistra Anticapitalista), Francesco Campanella (Gruppo misto alla Camera); 3 associazioni: Domenico Chionetti (Comunità San Benedetto Don Gallo di Genova); Gian Marco De Pieri (Centro sociale TPO Bologna); Diana Pablovic (Comunità Rom già candidata per l’Altra Europa); Linda Santilli (associazione Sinistra lavoro).
L’ultima Sessione della domenica: “I contenuti al centro: debito e i suoi effetti su diritto e lavoro, welfare, meridione” è stata presentata da Bia Sarasini e sono stati aperti con gli interventi di: Felice Roberto Pizzuti, Luigi Pandolfi, Giovanni Alleva, Cristina Quintavalla. A seguire alcuni interventi di “settore”: Bruno Moretto, scuola, Elena Mazzoni, TTIP, Gianluigi Trianni, sanità, Bruno Papignani della FIOM Emilia Romagna, lavoro. Nel dibattito, dolpo le relazioni e gli interventi programmati, ci sono stati circa 20 interventi.
Abbiamo concluso l’assemblea con un lungo applauso e un classico “Al lavoro e alla lotta”, con lo sguardo rivolto a Syriza e alla Grecia dove molti di noi saranno presenti nei prossimi giorni con la “BRIGATA KALIMERA.

A tutto questo si dedicherà il Comitato di transizione, verso l’assemblea di marzo, che verrà completato quanto prima con i rappresentanti dei comitati territoriali. In tal senso è stata inviata una nota nelle giornate precedenti all’assemblea dal gruppo di lavoro per l’assemblea stessa.
La presidenza dell’assemblea: Costanza Boccardi, Cristina Quintavalla, Marco Revelli, Rosa Rinaldi, Margherita Romanelli, Guido Viale, Sergio Zampini

file completo report

Condividi: