Costruiamo la partecipazione

0

 

Fare politica partecipata non è questione semplice neppure per chi lo desidera, sia dal punto della domanda (cittadinanza attiva) che dell’offerta (buona politica) con imprevedibili difficoltà di incontro. Anche i faticosi e contraddittori “lavori in corso” dell’innovativa esperienza del M5S sono lì a dimostrarlo. Ho deciso di presentarmi a questa nuova tornata elettorale per il Parlamento Europeo, allora mi pare il contesto giusto perché questa domanda, con esplicite richieste , e questa offerta, con espliciti impegni, provino a mettersi in sintonia. 

Cosa può offrire un candidato al Parlamento Europeo, oltre la testimonianza delle esperienze di politica condivisa già svolte durante gli incarichi precedenti, rispetto alle richieste dei movimenti e della cittadinanza attiva? Vorrei avanzare delle concrete proposte di impegno.

Penso che i processi partecipativi per funzionare debbano essere modulabili in senso espansivo in modo da permettere una formazione collettiva: da attività più limitate (conoscitive, consultive) a quelle più complesse (co-deliberativa e di costruzione collettiva delle proposte) ognuna delle quali perseguibile con diversi strumenti in presenza o a distanza (di rete).

Un primo impegno è quello di calendarizzare regolari appuntamenti di incontro  di cittadinanza (quadrimestrali?) per restituzione e confronto.

Un secondo impegno, per complementarietà alle attività in presenza, è quello di offrire uno strumento partecipativo di rete (sul tipo LiquidFeedback o piattaforme similari), anche in ragione della funzione politica non di prossimità e dell’ampio collegio di riferimento (interregionale),  e che consenta appunto di sviluppare e ampliare le attività condivise.

Un terzo impegno è quello, sul modello del bilancio partecipativo, di costituire un fondo, con quote tratte dall’indennità di mandato, per sostenere le battaglie di resistenza a difesa del territorio e dei beni comuni.

Quale candidato indipendente in una Lista nata per iniziativa della parte più avanzata della società politico-civile, voglio raccogliere anche questa sfida.

Condividi: