L’Altra Europa con Tsipras sostiene la mobilitazione degli studenti e delle studentesse del Comitato Iovotofuorisede

0

Il Comitato iovotofuorisede sostiene che, nonostante gli impegni presi del Governo per bocca della ministra Boschi, su questi temi non vi siano ancora risposte concrete, in un paese che ha un numero così alto di persone (studenti e lavoratori) che potrebbero votare fuorisede.

Per questo sosteniamo le proteste che oggi 17 maggio il Comitato Iovotofuorisede ha organizzato in tutte le principali città italiane ed europee. La protesta consiste in un urna simbolica in cui ogni cittadino potrà infilare un messaggio che il Comitato recapiterà direttamente alla ministra Boschi affinché si attivi per inserire la tutela del diritto di voto in mobilità nella legge elettorale di prossima discussione in Senato.

Di seguito le città in cui si svolgeranno le iniziative:

Torino piazza S. Carlo h.18
Roma Galleria Alberto Sordi h.18  
Bologna piazza Ravegnana h.17.30
Palermo piazza Politeama h.11:00  
Londra Hyde Park, Speaker Corner h.19
Siviglia luogo e orario da definire
Parigi luogo e orario da definire

Elenco in continuo aggiornamento. Trovi tutto sulla pagina di Iovotofuorisede

Tutte le agevolazioni sui trasporti per i fuorisede

AEREI – Alitalia e Blue Panorama applicano uno sconto del 40% sull’acquisto del biglietto aereo di andata e ritorno con destinazione la sede elettorale di iscrizione. L’importo massimo rimborsabile non può essere superiore a 40 euro.

TRENI- Trenitalia prevede una riduzione del prezzo del biglietto fino al 70% applicabili ai viaggi degli elettori residenti in Italia ed ai viaggi degli elettori residenti all’estero.

NAVI – Le società di navigazione Compagnia Italiana di Navigazione e Compagnia delle Isole applicano, nell’ambito del territorio nazionale, una riduzione del 60% sulla tariffa ordinaria a favore degli elettori residenti in Italia e di quelli provenienti dall’estero.

AUTOSTRADE – Le concessionarie autostradali aderiscono alla richiesta di gratuità del pedaggio, sia all’andata che al ritorno, per i soli elettori residenti all’estero, su tutta la rete nazionale.

ITALIANI ALL’ESTERO – Gli elettori residenti all’estero, negli stati in cui non sia possibile l’esercizio per via postale del diritto di voto, hanno diritto ad un rimborso del 75% del costo del biglietto di viaggio stesso riferito alla seconda classe per il trasporto ferroviario (o marittimo) oppure riferito alla classe turistica per il trasporto aereo.

Condividi: