Ucraina: la verità vittima della guerra. L’Europa ha qualcosa da dire?

0

 

Ed è anche il futuro dell’Europa che si gioca in Ucraina: gli Stati Uniti hanno lavorato e stanno lavorando pesantemente per destabilizzare la situazione ucraina, in primo luogo al fine di favorire una espansione ad Est dei confini della NATO. Non solo: nel contesto della trattativa sul Trattato transatlantico sul commercio e gli investimenti (Ttip), gli Stati uniti lavorano per impedire qualsivoglia autonomia geopolitica dell’Europa, e per arginare gli scambi Europa-Russia, soprattuto energetici. Insomma, si vuole rinchiudere l’Europa in un più serrato patto atlantico, volto a fare dell’Europa il cortile degli USA sia sul terreno militare che su quello economico. 
 
Occorre che le pacifiste e i pacifisti si mobilitino in Italia e in Europa, contro la violazione dei diritti umani e il governo  di Kiev  e in favore di una Ucraina libera e federata. Come ha detto Alexis Tsipras al “Guardian”: “L’Unione europea dovrebbe far di tutto per ristabilire l’accordo di Ginevra del 17 aprile , e cercare la fine immediata delle violenze. Dovrebbe anche lanciare un ultimo monito al governo provvisorio ucraino, esigendo che gli accordi non siano ancora una volta violati. Il massacro nell’edificio dei sindacati a Odessa mostra che esistono elementi nel governo  ucraino, intimamente legati a unità paramilitari criminali e naziste, che vogliono un’Ucraina più piccola e “etnicamente ripulita”. È per raggiungere i propri obiettivi che cercano di provocare la Russia. La soluzione praticabile della crisi richiede come prima cosa la rimozione di tutti gli elementi neonazisti e  di estrema destra dal governo provvisorio. La pace in Ucraina è difficile se tali elementi restano al potere, perché la loro strategia consiste nel seminare insicurezza in tutte le minoranze etniche e religiose del paese”.

Condividi: Twitter Facebook Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr Email