La schizofrenia della vita politica quotidiana

0

«Servono precondizioni che non si realizzeranno nei prossimi cinque anni», ha proclamato il candidato del centro-destra. «Bisogna essere realisti: non c’è una maggioranza a favore» ha rincarato Schulz. Finis. Prova di larghe intese al livello dell’Unione Europea. Sarebbe bene che ci riflettessero gli elettori che si apprestano a votare i partiti che a parole dichiarano di voler “battere i pugni” sul tavolo europeo, ma che candidano ufficialmente i due campioni dell’austerità. In compenso sulla questione del lavoro Schulz ha detto un no secco «agli abusi di chi assume con la scusa dei contratti di formazione e apprendistato per sfruttare i giovani e poi licenziarli», con buona pace del Pd di Matteo Renzi, che lo candida alla guida della Commissione Europea ma che – prova di schizofrenia politica e sociale – nel suo Jobs Act legittima senza pudore la pratica dello sfruttamento degli apprendisti e della loro facilitata licenziabilità.

Condividi: